buonpernoi.it > Il piatto ride
   
Nostalgia di Sapori GRANDE

Orti dimenticati, frutti perduti, ricette trovate in soffitta. Parole che evocano odori e sapori di una volta da riportare non soltanto sulla nostra tavola, ma anche nella nostra vita.

>>

Nostalgia di sapori - Il piatto ride
Il mondo nel piatto

Dentice allo zafferano e utopie

Una ricetta saporita dall’Uruguay, terra natale di Eduardo Galeano

Compilation Mangiatelo con i Fiori
Compilation Cibo ragione e sentimento


verduraCi si può curare mangiando? E´ possibile con un´alimentazione adeguata trovare equilibrio e serenità? Per Roberta Maria Atti, nutrizionista e naturopata a New York, la qualità del cibo che mangiamo ha un effetto sulla nostra salute e sulla nostra anima. Ecco la preziosa raccolta delle sue ricette e dei suoi suggerimenti.

Tutto intorno al piatto

Uova al colorante

Uova Come fare se le galline allevate in batteria depongono uova non gradite al consumatore? Semplice: basta aggiungere un colorante al mangime e il tuorlo si tinge di un bell'arancione acceso!

Zoom - Piatto Ride

Il gusto, un senso da educare

Dolce e salato, aspro e zuccherino. Sono i primi passi che muoviamo nel mondo del gusto, ma che col tempo, se non ci alleniamo, rischiamo di perdere. Forse e' per questo che sono nate, in Italia, le scuole del gusto.

un coro che conta

Il coro diretto da Lella Costa

Lella CostaUna Lella Costa particolarmente in forma ci racconta come ha scoperto di essere una consumatrice ecologicamente corretta.

Il cuore dei giocattoli

logo sicurezzaAnche i giocattoli hanno un cuore. Basta saperlo cercare e lasciar perdere le mode o le star della pubblicità. Sono i giocattoli di legno, di seconda mano così come quelli equi e solidali che alimentano la catena della solidarietà e dei diritti di chi li produce.

La nespola: il frutto della donna virtuosa

Avete mai pensato di regalare alla vostra amata un rametto di nespole? A prima vista potrebbe sembrare un regalo insolito, di poco conto: in realtà la nespola è un frutto che racchiude antichi significati…

NespoleAi giorni nostri per corteggiare si usano ormai solo fiori, e in prevalenza rose; a nessuno verrebbe in mente di regalare dei frutti, ancor meno delle nespole. Un tempo invece lo spasimante portava sotto la finestra della propria amata decorazioni di ramoscelli e frutti: l’albero da cui prenderli veniva scelto in base al valore simbolico. E il nespolo? Secondo la tradizione era la pianta per la donna virtuosa.


L’albero del nespolo, dal greco méspilon, fa parte della famiglia delle Rosacee ed è originario dell’Oriente. Si può trovare in tutte le zone temperate che non abbiano un terreno umido o calcareo. Nella tradizione contadina era considerato un frutto ricco di proprietà (in effetti è ricco di fibre, zuccheri, sali minerali, acidi organici e vitamina A). Ma non solo: i contadini se ne servivano anche per scandire il passare delle stagioni. Il nespolo era la prima pianta a fiorire, ma i suoi frutti erano gli ultimi a maturare. Una sua buona fioritura veniva inoltre considerata come premonitrice di un ricco e abbondante raccolto di stagione.

Per chi non ne abbia mai sentito parlare o non abbia mai visto il frutto, è possibile riconoscere il nespolo da queste caratteristiche: altezza sui 3-5 metri, fusto che si espande per lo più in orizzontale con una ramificazione spinosa sparsa e qua e là, i fiori sono bianchi e i frutti di forma globosa, color ocra. Si può apprezzare in pieno il sapore della nespola quando è ben matura: la maturazione deve avvenire però in un luogo asciutto, lontano da frutti che emanino sostanze come l’etilene prodotto dalle mele. Tradizionalmente le nespole venivano poste sulla paglia in stanze arieggiate e non umide finché assumevano il tipico sapore vinoso dolce e venivano offerte agli ospiti con miele e acquavite. Si consiglia quindi di raccogliere i frutti all’inizio di ottobre quando non sono ancora completamente maturi.

Esistono molte varietà di nespole, non tutte però reperibili in commercio. Quelle che più facilmente potete trovare sui banchi di frutta sono l’Olanda, la Comune (o di Germania) e la Reale; le altre provengono da produzioni locali e sono ancora in attesa di riconoscimento, come il Nespolo di Castelraniero, il nespolo a goccia, precoce, gigante e a frutto medio.
Un’ultima precisazione è però d’obbligo: non stupitevi se qualcuno vi offre nespole a fine maggio… Sono i frutti dell’Eriobotrya japonica, il nespolo giapponese importato dall’Estremo Oriente (Cina, Giappone) a metà del diciottesimo secolo.

Da questo frutto si può ricavare anche un prelibato liquore, il Nespolino. Gli ingredienti base sono sei noccioli freschi di nespole, sei nespole mature pelate, alcol e zucchero. Si procede quindi pestando le nespole mature e i noccioli in un mortaio e lasciandoli macerare per due giorni ricoperti di alcol in un terrina. A parte si prepara uno sciroppo con 350 gr di zucchero sciolti in 160 gr d’acqua fredda, si mescola poi alle nespole macerate e già filtrate e si lascia riposare il composto per una giornata. Il liquore prima di essere imbottigliato va filtrato e poi conservato in luogo fresco e buio.

di Eleonora Diamanti
18/6/2004

versione stampabile



invia questa pagina ad un amico

Crediti
                Scarica i banner di buonpernoi.it    
Con il contributo della
Commissione europea
Direzione Generale Salute
e Tutela dei Consumatori
Progetto e redazione

Basato su piattaforma